Soffio, Polvere, Fuoco, Sorgente,

vesti i nostri occhi della tua luce,

la nostra carne della tua vitalità,

il nostro essere del tuo amore.

Dona eternità in-mortale transito

a tutto ciò che di bello portiamo nel cuore.

 

Signore, Fratello,

venuto tra di noi,

Fiore di luce nel nostro deserto,

hai fatto scorrere l’acqua dalla roccia,

e risplendere la vita nella morte.

Ora ravviva in noi sguardi offuscati:

dentro e oltre il velo del  limite,

delle varie morti,

persino nel sentimento di stare camminando

verso nessun luogo, senza né strada né meta,

donaci di accorgerci che proprio lì

generi novità, introduci il tuo futuro:

un banchetto di conviviale fraternità per tutti,

come un seme che nel buio attende

il richiamo della primavera.

 

Spirito, Amico,

Sorgente,Fuoco, Soffio, Polvere

risveglia le nostre mani alla ‘generosità,

accendi di luce serena i nostri orizzonti,

nei quali il limite, la morte stessa,

non sono più fredde tombe,

bensì vaso in frantumi  di prezioso nardo

che inebria la terra  di festoso profumo

d’AMORE