Signore, c’è sempre qualcuno che si sente solo e abbandonato;

è per lui che noi ti preghiamo.

E un altro è troppo calunniato, braccato, offeso, indifeso, Signore:

per  lui noi ti preghiamo.

E quello che si era dedicato al bene dei fratelli;

e quell’altro che non ha fatto se non del bene nella sua vita,

e ora non riceve che male:

perché non abbia a pentirsi di aver riposto in te la fiducia,

noi ti preghiamo, Signore.

Perché almeno quelli di buona volontà e i ‘beati’ delle Beatitudini

non abbiano a perdersi d’animo,

e continuino a ‘seminare’ ogni bene,

noi ti preghiamo Signore.

 

(da P. David M. Turoldo)