LO STOLTO VIVE COME SE DIO NON ESISTESSE

1 Al maestro del coro. Di Davide.

 

Lo stolto pensa: “Dio non c’è”.

Sono corrotti, fanno cose abominevoli:

non c’è chi agisca bene.

2 Il Signore dal cielo si china sui figli dell’uomo

per vedere se c’è un uomo saggio,

uno che cerchi Dio.

 

3 Sono tutti traviati, tutti corrotti;

non c’è chi agisca bene, neppure uno.

4 Non impareranno dunque tutti i malfattori,

che divorano il mio popolo come il pane

e non invocano il Signore?

 

5 Ecco, hanno tremato di spavento,

perché Dio è con la stirpe del giusto.

6 Voi volete umiliare le speranze del povero,

ma il Signore è il suo rifugio.

 

7 Chi manderà da Sion la salvezza d’Israele?

Quando il Signore ristabilirà la sorte del suo popolo,

esulterà Giacobbe e gioirà Israele.