In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Non meravigliarti se ti ho detto:
dovete nascere dall’alto. Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma
non sai da dove viene né dove va: così è chiunque è nato dallo Spirito».

Gli replicò Nicodèmo: «Come può accadere questo?». Gli rispose Gesù: «Tu
sei maestro d’Israele e non conosci queste cose? In verità, in verità io ti
dico: noi parliamo di ciò che sappiamo e testimoniamo ciò che abbiamo
veduto; ma voi non accogliete la nostra testimonianza. Se vi ho parlato di
cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del
cielo? Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo,
il Figlio dell’uomo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così
bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui
abbia la vita eterna».(Gv 3, 7-15)

|||

COMMENTO.

Vado anch’io da quel Figlio dell’Uomo che si dice disceso dal cielo;
anch’io ci vado, quando è ancora notte. Perché desidero incontrarlo
veramente a tu per tu senza farmi vedere dalla gente. Ma anche per cogliere
meglio ciò che mi vuol dire e ‘meditarlo’, in modo da comprendere con il
cuore quanto la testa non può capire, anche se ho studiato teologia e Sacra
Scrittura, anche se leggo libri (e non è male, ma…), se seguo i
Comandamenti e le leggi varie . *’Non meravigliarti se ti ho detto: dovete
nascere dall’alto’*. Certo che mi meraviglio e come! Così quando mi
dici: *Nessuno
è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio
dell’uomo*. E intuisco che ti riferisci a te stesso, venuto dall’Alto, da
Dio, per opera dello Spirito, ma venuto da Maria di Nazareth, che passi
avendo cura, avvicinando proprio gli esclusi dalla religione, da chi ha
potere politico e annunci loro un Dio Padre di tutti. Ma allora mi vuoi
dire che il mio ‘nascere dall’alto … salire al cielo’ avviene se sto con
te, se scelgo te, se, come dice S. Paolo, “*Queste cose (la Carne, la
Legge, l’essere Ebreo, la giustizia derivante dalla osservanza della
Legge) le ho lasciate perdere e le considero spazzatura per guadagnare
Cristo ed essere trovato in Lui, avendo come giustizia non quella della
Legge, ma quella che viene dalla fede in Cristo, che viene da Dio*…”

Mi chiedo: sei tu l’Unico venuto veramente dall’alto, da Dio e che può
portare tutti in alto, all’incontro con Dio Padre?

Quello che so è che proprio Giovanni alla fine del cap 1, dice: *nessuno
Dio l’ha mai visto, il Figlio unigenito, che è Dio, ed è nel seno del
Padre, è lui che lo ha rivelato*.

Dunque Tu, Gesù di Nazareth, che volontariamente ti lasci innalzare sulla
Croce e, morendo fra ladroni, emetti lo Spirito sul mondo, Tu , vero Uomo,
mi riveli Dio?

Allora più conosco te Gesù Cristo, Fratello e Amico, più seguo te, Figlio
dell’Uomo e Figlio di Dio e più sono uomo vero e divento Dio …

Ora capisco: ‘*così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché
chiunque crede in lui abbia la vita eterna’. Lì sulla Croce mentre dici
‘Nelle tue mani affido il mio Spirito’ effondi lo stesso Spirito sul Cosmo,
sull’umanità tutta. Lì, Tu, puro Amore, ci raggiungi tutti, ci purifichi,
ci sollevi in alto, al Padre. Meravigliarci allora di avere la vita eterna,
già ora? E’ davvero così semplice, così alla portata di tutti, se si crede
in Lui.*

*Signore, aumenta la mia fede, aumenta il mio amore. (fratel Tommaso)*